Il Premio

Il Marble Architectural Awards (MAA) è stato istituito nel 1985; da allora si è svolto con regolarità, arrivando a completare quattro cicli.

Il premio è riuscito a far conoscere sempre più e meglio le qualità della pietra naturale, a conferma che i materiali lapidei sono diventati il mezzo espressivo di molti architetti di fama internazionale e hanno contribuito al prestigio di numerose e celebri opere dell’architettura contemporanea.

Inoltre, grazie al MAA, la nostra Società ha potuto organizzare una banca dati che raccoglie una documentazione completa della progettazione in pietra dell’ultimo trentennio; l’archivio di schede tecniche, disegni e fotografie dei progetti partecipanti è disponibile per la consultazione di studiosi e professionisti presso la sede di IMM. Contattaci per prenotare una visita. (maa@immcarrara.com)

Nel corso delle varie edizioni alcune tra le più note firme dell’architettura mondiale hanno presentato le proprie opere al MAA; tra i vincitori figurano: I.M. Pei (New York), Skidmore-Owings and Merril (Houston), Samwoo Arch. (Seoul), Satow (Tokyo), Foster and Partners (Londra), Henning Larsens (Copenhagen), Dani Karavan (Tel Aviv), Adolfo Natalini (Firenze), Harry Seidler (Sidney), Kohn Pedersen Fox (New York), Cesar Pelli and Assoc. (New York), Paul Andreu (Parigi), Mario Botta (Lugano), Hans Hollein (Vienna), Richard Meier and Partners (New York), Michael Graves (Princeton), Kisho Kurokwa and Assoc. (Tokyo), Seok ChulKim and Assoc. (Seoul), Joan Otto Von Sprekelsen (Copenhagen), Hideto Horinke + Assoc. (Tokyo), Shuhei Endo (Tokyo), Kajima Design (Tokyo), Takenaka Corp. Architecture Design Institute (Pechino), Makoto Sei Watanabe (Tokyo), O.M. Ungers (Berlino), Kleihnes+Kleihues (Berlino), Kenzo Tange (Parigi), Von Gerkan Marg und Partner (Amburgo), Piero Sartogo Architetti (Roma), Gae Aulenti Associati (Milano), Renzo Piano Building Workshop (Genova), Kengo Kuma and Associates (Tokyo), Nihon Sekkei (Tokyo), Michael Wilford & Partners (Londra), Jan Kleihues (Berlino), RFR di Peter Rice (Paris), Manfredi Nicoletti (Roma).
 
Alla qualità dei progettisti corrisponde anche una selezione di opere di grande valore, come: Arche de Défense a Parigi;  Museo d'Arte Moderna a Francoforte;  Hong Kong and Shangai Banking Corporation a Hong Kong; Bank of China ad Hong Kong; Getty Center a Los Angeles; La Finlandia Hall a Helsinki; Winter Garden a New York; Monumento al Milite Ignoto di Bagdad, la Nuova Cancelleria dell’Ambasciata d’Italia a Washington, la Nuova Biblioteca Alessandrina ad Alessandria d’Egitto, le Grandi Moschee a Mecca e Medina, il Nagasaki Prefectural Art Museum a Nagasaki, la Bank of China Head Office a Pechino, l’Esplanade-Theatre on the Bay a Singapore, il Museo Vangi-The Sculture Garden Museum a Shizuoka, la Hill of Hope a Hiroshima, il Deutsche Historiches Museum a Berlino, la Great Court at the British Museum a Londra, il Christ Papillon-Expo 2000 a Hannover, l’Hotel Concorde a Berlino, l’Auditorium della Musica a Roma.